Recent Posts

Era stata bella

Era stata bella. Di questo ne era sicura. Ricordava benissimo quando il suo seno magnetizzava gli sguardi degli uomini; uomini che si facevano venire il torcicollo per voltarsi a guardarle il culo. Ed anche il suo viso era stato bello. Le bastava sorridere per far 

Ma questa premessa, insomma, cos’è?

Ma questa premessa, insomma, cos’è?

Non sto parlando di quel testo introduttivo che si può trovare, a volte, all’inizio di un libro e non parlo nemmeno delle premesse di un enunciato logico. Mi interessa invece parlare della premessa intesa come l’articolazione del tema di una storia. Premessa, tema, morale, idea. 

La fantascienza Arriva(l) agli Oscar?

La fantascienza Arriva(l) agli Oscar?

E così, dopo aver criticato il racconto di Chiang Storie della tua vita eccomi a prendermela con il film Arrival di Denis Villeneuve che è tratto da quel racconto.

Essendo io un incontentabile temo che anche questa volta la recensione sarà in controtendenza.

La storia del film si distacca dal racconto in alcuni punti, ahimè fondamentali. Dico subito che non è un brutto film, siamo a livelli totalmente diversi rispetto alle troppe cose ignobili realizzate recentemente e che fanno venir voglia di farsi una lobotomia direttamente dentro la sala del cinema.

È un film di atmosfere, emozioni e sensazioni; azione ce n’è poca e quella poca che c’è finisce per essere inutile, anzi addirittura controproducente, messa lì solo perché qualcosa deve pur succedere e bisognava inventarsi un modo per far salire la tensione. Peccato che la tensione in un film come questo non c’entri per nulla o per lo meno andrebbe creata con mezzi totalmente diversi. Continue reading La fantascienza Arriva(l) agli Oscar?

Storie dei suoi racconti. La fantascienza per tutti

Storie dei suoi racconti. La fantascienza per tutti

Lo so, sono un incontentabile. Sono un lettore accanito e appassionato, ma ho i miei gusti e, ahimè, le mie opinioni personali, molto spesso in controtendenza con…beh quasi tutti. Anche questa volta temo di essere l’unico a non osannare Ted Chiang e i suoi racconti. 

L’effetto WTF – L’ultimo libro di Peter Hoeg

È colpa mia, lo so. Penso che aprirò una rubrica che chiamerò l’incontentabile. Devo essere io, sono diventato incontentabile. Dopo aver massacrato I custodi di Slade House ora mi salta il ghiribizzo di recensire L’effetto Susan, di Peter Hoeg. Una piccola premessa per iniziare: ho 

I custodi di Slade House, una storia senza storia

Ovvero: David Mitchell è più furbo che santo; una specie di recensione.

Attenzione, può contenere spolier.

— Ehi, hai visto? È uscito un nuovo libro di David Mitchell?
— E allora? Cloud Atlas non ti piaceva. Hai detto che era pretenzioso e che simulava una profondità che non possedeva. Hai detto che Mitchell faceva il furbo riuscendo a far passare un libro senza spessore per un’opera complessa e sfaccettata.
— Lo so, ma quando è uscito tutti hanno gridato al miracolo, i Wachowski ci hanno anche fatto un film. Sono l’unico a cui non è piaciuto. Forse è colpa mia, non sono abbastanza intelligente, magari non l’ho capito.
— E perché questo dovrebbe piacerti invece?
— Mitchell scrive bene, lo sai. E poi alcune parti di  Cloud Atlas mi sono piaciute tantissimo, anzi prese come episodi singoli quasi tutte le storie erano belle.
— Hai letto le recensioni?
—Sì, secondo Panorama è libro bellissimo.
— Panorama? Continue reading I custodi di Slade House, una storia senza storia

Stranger Things dovrebbe essere la normalità

Stranger Things dovrebbe essere la normalità

Stranger Things è stato il successo a sorpresa dell’estate 2016. Prodotta da Netflix ha raccolto consensi di critica e pubblico, molto oltre le aspettative ed è diventata immediatamente un cult. È una storia horror ambientata negli anni ’80 che riprende lo stile e il linguaggio 

The Expanse

The Expanse è un paio di cose, prima di tutto una serie di libri di fantascienza scritti da James S. A. Corey, e poi una serie televisiva creata da syfy,  canale televisivo statunitense specializzato in speculative fiction (fantascienza, horror, fantasy ecc.). Cercherò di evitare eventuali 

Clima

Si chinò per strappare qualche filo d’erba secca. Si ritrovò in mano anche le radici avvizzite che la terra polverosa non riusciva più a trattenere. Tutt’attorno, per chilometri, la stessa situazione. Negli ultimi anni la temperatura media si era alzata, costantemente accompagnata da una diminuzione della piovosità e quelle che un tempo erano praterie e coltivazioni rigogliose erano ormai ridotte a sterpaglie. Lasciò vagare lo sguardo sconsolato. La luce rossa del tramonto trasformava le colline nell’infausto presagio di un deserto infuocato.
«Dottor Stevenson.» Sentì gridare.
Si girò verso la voce che lo stava chiamando.
«Dottor Stevenson, sono Bill Croft del centro ricerche geologiche dell’Arizona.» L’uomo, appena sceso da un fuoristrada stava facendo segni verso di lui. Si incamminò per raggiungerlo. Ogni qualche passo dava un calcio al terreno, nella segreta speranza di trovare qualche punto ancora fertile, ma la punta dei suoi scarponi sollevava immancabilmente nuvolette di polvere. Raggiunse il dottor Croft, un uomo basso e robusto dai folti capelli scuri che gli scosse la mano con forza. Continue reading Clima

Bianco e nero

Bianco e nero

Le alte pareti di ossidiana riverberavano il suono degli zoccoli. Cavalcava lentamente sulla strada lucida. Il passaggio si stringeva mano a mano che procedevano, fin quasi a chiudersi. Due guardie in armatura di cuoio nero e acciaio gli sbarravano il passaggio. In piedi, ai lati